Milano Via Melzi d'eril 26. Tel 3394774416
Forte Dei Marmi (LU) Via Duca d'Aosta 27. Tel 0584787541
Roma Piazza dei Re di Roma 71. Tel 067012470


La dieta a basso contenuto glicidico normoproteica

DIETA NORMOPROTEICA IPOGLICIDICA
Cosa è: La dieta normoproteica ipoglicidica è uno schema dietetico alimentare che prevede l’introduzione di alimenti a basso contenuto calorico (zuccheri e grassi).  La dieta riproduce la condizione metabolica e biochimica a cui l’organismo va incontro durante il digiuno prolungato, in particolare: basso indice glicemico con bassi livelli di insulina. Stimolo della lipolisi per attingere a riserve caloriche grasse. Produzione di corpi chetonici che l’organismo utilizza come fonte energetica che determinano sazietà e controllo del tono dell’umore.  Si attiva la gluconeogenesi epatica così che cervello e cuore mantengono ottimanli livelli di zuccheri come fonte di energia.   Questo stato metabolico si differenzia dal digiuno in quanto le masse muscolari non vengono intaccate poichè la quota proteica di cui l’organismo necessita, è fornita proprio dall’alimentazione. Per tale motivo il dimagrimento è veloce e naturale mantenendo una ottimale quota muscolare e determinando la perdita selettiva delle masse grasse.

Case Story
Paziente di 38 anni, non fumatore, che conduce vita sedentaria, in buone condizioni cliniche generali.  Altezza 190 cm;  Peso  103 kg;  BMI 28.5 (sovrappeso). Si è sottoposto a dieta normoproteica ipoglicidica con sistema alimentare axodiet secondo lo schema: 

Fase 1 (Starter 1): Very Low Calory Diet. 800 kcalorie al giorno con induzione della chetogenesi per 4 settimane. La riduzione di peso è stata di 12 kg attestandosi a 90 kg.  Nella fase 1 la dieta è consistita nell’assunzione esclusiva di cibi sostitutivi ipoglicidici con 6 pasti giornalieri e assunzione di verdure in quantità libera (spinaci, broccoletti, cavolfiore, zucchine, cetrioli, bietole, sedano, finocchi, funghi). Consentito Tè verde e caffè senza zucchero. Da bere almeno 1,5 litri di acqua naturale. 
Fase 2 (Starter 2): Very Low Calory Diet. 1000 Kcalorie al giorno con stabilizzazione della chetogenesi per 4 settimane. La riduzione di peso è stata di 5 kg attestandosi a 85 kg.  Nella fase 2 la dieta è consistita nell’assunzione di cibi sostitutivi ipoglicidici con 4 pasti  giornalieri e l’introduzione di 1 pasto regolare (pollo e carne bianca, pesce alla griglia, bresaola, ecc) a pranzo o cena. Da bere almeno 1,5 litri di acqua naturale.
Fase 3 (Transition 1):  Low Calory Diet. 1200 Kcalorie al giorno per 4 settimane. Il peso corporeo ha avuto un aumento di 2 kg attestandosi a 87 kg.  Nella Transition 1 si introducono latticini (latte di soia, latte scremato, yogurt). Si passa a 4 pasti giornalieri, con colazione, pranzo, merenda e cena.  I pasti sostitutivi ipoglicemici 1 sola volta al giorno (a pranzo o cena) con pasta o riso ipoglicemici al massimo 3 volte a settimana.  Consigliato assunzione di almeno 3 volte a settimana di carne bianca e 3 volte a settimana di pesce grigliato o al vapore.  Da bere almeno 1,5 litri di acqua naturale. 
Fase 4 (Transition 2):  Low Calory Diet 1500 Kcalorie al giorno per 4 settimane.   Il peso corporeo si è stabilizzato a 87 kg.  Nella Transition 2 i legumi (ceci, fagioli, orzo ecc) sempre  a  4 pasti giornalieri, con colazione, pranzo, merenda e cena.  I pasti sostitutivi ipoglicemici  per utilizzo di pasta, pane e riso condite in modo leggero.  Da utilizzare i prodotti ipoglicemici per snacks, pane, dolci.
Risultato

 


CONCLUSIONI
La dieta normoproteica ipoglicidica è una modalità dietetica sicura ed efficace ma necessita di indicazione e controllo medico.   Dà risultati sicuri e duraturi evitando il fenomeno “yo-yo” tipico di tanti schemi dietetici.  Ha una elevatissima percentuale di riuscita in quanto lo stato di chetosi che si verifica dopo 23/48 ore riduce il senso di fame ed innesca uno stato di benessere psichico che aiuta psicologicamente proprio nei primi giorni a superare lo stato di privazione dei cibi abituali.  Nelle prime settimane i 6 pasti quotidiani (in media 1 ogni 3 ore) aiutano a mantenere lo stomaco pieno ed evitare contrazioni.  I pasti sostitutivi sono di ottima qualità e consistono in piatti pronti (insalate di pasta, pollo con vari condimenti, vitello o manzo, salmone, insalata di riso), preparati alimentari in polvere salati (minestre,  omlette) o dolci (budini, mousse, desserts, frullati di frutta) e soprattutto un assortimento di biscotti (cioccolato, frutti, mandorle, cocco) e brioches (plumcake al cioccolato o frutti di bosco) e snacks salati (patatine, noccioline) e pane in forma di crackers e grissini. Dopo la perdita di peso corporeo e l’introduzione di cibi alimentari ordinari, l’ampia disponibilità di prodotti ipoglicemici dolci e salati di qualità e sapore ottimo, aiuta a mantenere il peso raggiunto evitando di cadere nelle tentazioni quotidiane.    




Compila il form per avere maggiori informazioni sull'argomento o per prenotare una visita.

 


  Security code

Informativa sulla Privacy:
ai sensi dell'art. 13 del D.Lgs. 196/2003 ed alla Privacy Policy si informa che con l'invio del presente modulo si autorizza Araco al trattamento dei dati personali riportati nel modulo stesso con le modalità e nei termini dell'informativa resa.