Domande frequenti - OSSIGENO IPERBARICO MILANO

Di che cosa si tratta?
E’ un rivoluzionario ed innovativo sistema di “biostimolazione non iniettiva” per viso, collo, décolleté e mani.
Questa metodica unisce la tecnologia dell’ossigeno iperbarico con le proprietà anti-aging di un siero composto da sostanze idratanti ed antiossidanti.
Il principio su cui si basa la metodica è stato mutuato dalla camera iperbarica, dove è stato dimostrato che la pressione di almeno 1,5 Bars determina un aumento dei livelli di ossigenazione della pelle.
La metodica si avvale di un dispositivo che attraverso l’erogazione di ossigeno ad alto flusso, riproduce a contatto con la pelle del Paziente una sorta di camera iperbarica “in miniatura”, che da un lato amplifica la concentrazione di ossigeno della cute e dall’altro promuove la veicolazione in profondità dei principi attivi del siero.
Sin dalla prima seduta, le rughe sottili del viso si attenuano e la pelle appare visibilmente più idratata, luminosa, tonica, in sostanza più giovane. Nello stesso tempo la pelle acquista luminosità, levigatezza e texture.
 

Come si svolge la seduta? Quante bisognerebbe farne?
Il trattamento non solo non è doloroso, in quanto non invasivo, ma anzi, è piuttosto piacevole e rilassante.
Dopo che sono stati rimossi ogni residuo di trucco e le cellule morte dell’epidermide con uno specifico cleansing gel a base di principi attivi esfolianti, ha inizio il trattamento vero e proprio.
Il Medico impugna con una mano l’infusore, che ha una forma simile ad una penna, e che permette di infondere alternativamente l’ossigeno ad alto flusso ed il siero con i principi attivi. Procedendo per piccole aree successive, prima si distribuisce sulla pelle un certo quantitativo di siero e poi si procede con l’infusione di ossigeno laddove è depositato il siero.
L’infusore, mentre eroga ossigeno, viene passato con movimenti lenti e lineari o circolari, fino a completo assorbimento del siero.
Per ogni zona la sequenza infusione di siero-infusione di ossigeno viene ripetuta 3 volte, in modo da garantire in modo uniforme su tutto il viso il raggiungimento di livelli ottimali di idratazione e concentrazione delle sostanze antiossidanti.
Si può trattare solo il viso oppure il trattamento può essere esteso anche a collo, décolleté, mani.
La durata della seduta può variare dai 45 ai 120 min a seconda del numero di aree trattate.
Alla fine della seduta, il Medico distribuisce sulla zona trattata dei prodotti specifici (anti ageing, antimacchie, anti rughe) che potenziano i benefici del trattamento, aumentando la riserva antiossidante e di idratazione della pelle e prevenendone la disidratazione.
E’ fondamentale per mantenere e consolidare l’effetto anti-aging del trattamento proseguire l’applicazione domiciliare e quotidiana di questi stessi prodotti, che vengono forniti direttamente dal Medico, come parte integrante del programma terapeutico.
Sebbene i primi risultati siano visibili già dopo la prima seduta, per poter apprezzare un miglioramento sostanziale e persistente è necessario effettuare una “terapia d’urto”, che prevede 6 sedute, 1 o 2 sedute a settimana, ed un mantenimento con 1 seduta al mese.
 

Esiste un solo programma “standard” oppure è possibile personalizzare il trattamento a seconda del tipo di pelle?
Esistono 4 diversi tipi di siero a seconda delle caratteristiche della pelle:
1. Siero anti-aging, contiene acido jaluronico a basso peso molecolare, vitamine A,C ed E, thè verde, squalene, aloe vera, bisabalolo, pantenolo.
Questi principi attivi hanno proprietà idratanti, antiossidanti, riequilibranti, elasticizzanti e liftanti. Il siero anti-ageing è adatto sia a pelli giovani che a pelli maturi che non presentino segni particolarmente marcati di crono- e foto-aging.
La terapia d’urto dà alla pelle un’idratazione profonda, previene l’ulteriore danno causato dai radicali liberi (fumo, UV, inquinamento), promuove la neosintesi di collagene ed acido ialuronico endogeni, migliora tono ed elasticità della cute, attenua le rughe sottili e il rilassamento cutaneo.
2. Siero schiarente ed illuminante, contiene acido jaluronico a basso peso molecolare, vitamine A e C, thè verde, squalene, alfa-arbutina ed altre sostanze schiarenti.
Questi principi attivi hanno proprietà idratanti, antiossidanti, elasticizzanti e depigmentanti.
Il siero schiarente è indicato per pelli con fotoaging da moderato a grave, con macchie solari, melasma ed una pigmentazione disomogenea.
La terapia d’urto dà alla pelle un’idratazione profonda, previene l’ulteriore danno causato dai radicali liberi (fumo, UV, inquinamento), rende la pelle visibilmente più luminosa, tonica ed elastica, attenua sensibilmente le aree discromiche, rendendo il colorito cutaneo molto più uniforme.
Poiché le macchie della pelle risultano spesso particolarmente ostiche da trattare, per potenziare l’effetto schiarente del siero schiarente si possono associare altri trattamenti depigmentanti, come la luce pulsata (IPL) e il peeling all’acido tricloroacetico (TCA).
3. Siero anti-acne ed impurità, contiene acido jaluronico a basso peso molecolare, vitamine A e C, acido salicilico, bisabololo, estratto della radice di ginger, acido alfa-lipoico, fitosfingosina, selenio, timo, allantoina.
Questi principi attivi hanno proprietà idratanti, antiossidanti, antibatteriche, antinfiammatorie, riequilibranti, cheratolitiche e seboregolatrici.
Il siero anti acne è indicato per le pelli seborroiche e con manifestazioni acneiche anche in fase attiva (acne giovanile, acne dell’adulto, acne da disordini endocrini) e le pelli con segni di aging da lieve a moderato.
La terapia d’urto è in grado di regolare la produzione di sebo, contrastare la colonizzazione batterica, spegnere l’infiammazione e diminuire l’ipercheratinizzazione conseguente ad un turnover cellulare troppo elevato.
Inoltre dà alla pelle un’idratazione profonda, migliora tono ed elasticità della cute, attenua le rughe sottili e il rilassamento cutaneo.
I risultati del siero con ossigeno iperbarico sull’acne sono eccellenti, in particolare risulta molto efficace nello spegnerne le manifestazioni un approccio combinato che prevede l’associazione dell'ossigeno iperbarico con sedute alternate di IPL (luce pulsata) e peeling all’acido salicilico al 25%.
Il Paziente dovrà quindi presentarsi presso lo studio del medico 2 volte a settimana per 6 settimane: 1 volta per fare IPL o peeling a settimane alterne, e 1 volta per il trattamento all’ossigeno.
Al termine del ciclo di sedute, si potrà effettuare 1 seduta di mantenimento ogni 30 giorni con il trattamento all’ossigeno o IPL.
4. Siero specifico per attenuare le rughe profonde (rughe frontali e glabellari, zampe di gallina, codice a barre, solchi naso-genieni, collane di Venere); contiene acido jaluronico a basso peso molecolare, argirelina, squalene, pantenolo.
Questi principi attivi hanno proprietà idratanti, leviganti e “fillers” verso le rughe del volto.
Il siero è indicato da solo o preferibilmente in associazione con altri sieri per il trattamento di rughe profonde ed inveterate del volto (rughe frontali e glabellari, zampe di gallina, codice a barre, solchi naso-genieni, collane di Venere) associate ad un crono- e foto-aging di grado avanzato.
La terapia d’urto rende la pelle visibilmente più idratata, distesa e levigata ed attenua sensibilmente la profondità e visibilità delle rughe trattate, quasi come un vero e proprio filler.
 

Mi sono fatta iniettare un filler (acido jaluronico) 2 mesi fa per riempire i solchi naso-genieni. Posso ugualmente sottopormi al trattamento con ossigeno iperbarico o è controindicato?
Non solo il trattamento con ossigeno iperbarico non è controindicato, ma, anzi, è addirittura sinergico con gli altri trattamenti di medicina estetica, come i dermal fillers, la tossina botulinica, la luce pulsata (IPL), i peelings chimici.
In caso di infiltrazione di acido jaluronico come filler, il siero ne prolungherà la durata nel tempo, poiché fornisce alla pelle una riserva di idratazione e di antiossidanti che contrasterà il precoce riassorbimento del prodotto causato dai radicali liberi.
Ricordiamo, infine, la sinergia dell'ossigeno iperbarico con la luce pulsata e i peelings.
 

Ci sono delle controindicazioni? E’ efficace?
Anche se i primi risultati sono visibili già dopo la prima seduta, è necessario effettuare una terapia d’urto con 6 sedute ravvicinate per poter apprezzare un miglioramento significativo e stabile.
Fondamentali per contribuire a raggiungere e mantenere i risultati sono i prodotti domiciliari specifici e le sedute di mantenimento (1 ogni 30 giorni).
Teniamo comunque presente che, nonostante l’efficacia dimostrata del trattamento, qualora la Paziente presenti un invecchiamento cutaneo di grado avanzato, non si potranno certamente ottenere risultati miracolosi, ma in ogni caso si potrà conseguire un parziale miglioramento.
 

Ho 31 anni e una pelle purtroppo già un po’ rovinata dal troppo sole preso in passato. Vorrei fare qualcosa per avere un viso più fresco e attenuare le rughette che sono comparse. Ho sentito parlare molto bene del trattamento all’ossigeno iperbarico.

Assolutamente sì, soprattutto se sono già comparsi segni di foto-aging.
L’invecchiamento genetico o crono-aging, cioè quello dipende esclusivamente dal passare del tempo a prescindere dai fattori ambientali, inizia già a partire dai 25 anni e va avanti inesorabilmente.
A questo si aggiunge l’invecchiamento causato dai fattori ambientali o foto-aging, che è determinato dall’esposizione a fonti esogene di radicali liberi, cioè raggi UV, fumo, inquinamento, e che quindi, a differenza del primo, si può contrastare.
Tuttavia, un soggetto anche giovane che ha l’abitudine di esporsi molto al sole o fare lampade UV, che fuma parecchio e vive in una grande città andrà sicuramente incontro ad un invecchiamento più precoce di un coetaneo che non prende sole, non fuma e vive in campagna.
Una pelle giovane che ha già segni di foto-aging può trarre enorme beneficio da un trattamento ossigenante ed antiossidante intensivo che previene l’ulteriore danno causato dai radicali liberi e fa in parte regredire il danno già esistente, attenuando le rughette e ripristinando tono, trofismo ed elasticità della pelle.